Etna, un luogo da non perdere se visiti la Sicilia

Etna, un luogo da non perdere se visiti la Sicilia

L’8 marzo 1669, l’Etna inizia a rimbombare. Eruzioni multiple nelle successive settimane hanno ucciso oltre 20.000 persone e lasciato migliaia di senzatetto. La maggior parte delle vittime avrebbe potuto salvarsi fuggendo, ma è rimasta, nel vano tentativo di salvare la propria città.

L’Etna domina l’isola di Sicilia. A 11.000 piedi sul livello del mare nella parte nord-orientale della Sicilia, è visibile da quasi ogni parte dell’isola di 460 miglia quadrate. La storia geologica dell’Etna dimostra che ha periodicamente eruttato cenere e lava per migliaia di anni; la prima eruzione registrata del vulcano fu nel 475 a.C. È il vulcano più attivo in Europa. Nel 1169, un terremoto, poco prima di un’eruzione, uccise 15.000 persone in Sicilia. Nonostante i pericoli di vivere vicino a un vulcano attivo, le eruzioni hanno reso molto fertile il terreno circostante, così molti piccoli villaggi si sono sviluppati sulle pendici della montagna.

Quando l’Etna ha iniziato a rimbombare l’8 marzo, i residenti nelle vicinanze hanno ignorato i segnali di allarme di una più grande eruzione. Tre giorni dopo, il vulcano iniziò a emettere fumi nocivi in ​​grandi quantità. Circa 3.000 persone che vivevano sulle pendici della montagna sono morte per asfissia. Ancora peggio, l’Etna presto emise enormi quantità di cenere e lava fusa. Le ceneri furono esplose con tale forza che una quantità significativa scese nella parte meridionale dell’Italia continentale, in alcuni casi a circa 100 miglia di distanza. La lava iniziò anche a riversarsi lungo il lato sud della montagna in direzione della città di Catania, a 18 miglia a sud lungo il mare.

All’epoca la città di Catania contava circa 20.000 abitanti; la maggior parte non è riuscita a fuggire immediatamente dalla città. Invece, Diego de Pappalardo, un residente della città, condusse una squadra di 50 uomini sull’Etna, dove tentarono di deviare il flusso di lava. Indossando pellami impregnati di acqua, gli uomini si avvicinarono coraggiosamente alla lava con lunghe aste di ferro, picconi e pale. Sono stati in grado di aprire un buco nel muro di lava indurito che si era sviluppato all’esterno del flusso di lava e gran parte del flusso ha iniziato a fluire verso ovest dal nuovo foro. Tuttavia, gli abitanti di Paterno, una città situata a sud-ovest dell’Etna, stavano monitorando questi sviluppi e si resero presto conto che questa nuova direzione del flusso poteva mettere in pericolo la propria città. Hanno letteralmente respinto i catanesi, mentre la frattura della lava si è irrigidita e si è riempita di nuovo.

Questo è solo un piccolo spaccato della storia dell’Etna: un mondo tutto da scoprire. Per le tue escursioni sull’Etna ti consigliamo Etna Moving: come puoi vedere dal sito, troverai una vastissima gamma di opzioni di tour tra cui scegliere.

 

editor

Related Posts

Hotel a Lazise: regalati un weekend indimenticabile sulle rive del Lago di Garda

Hotel a Lazise: regalati un weekend indimenticabile sulle rive del Lago di Garda

Alberghi a Venezia: quali hotel in Italia scegliere per le vacanze

Alberghi a Venezia: quali hotel in Italia scegliere per le vacanze

Escursioni Etna, le promozioni più interessanti

Escursioni Etna, le promozioni più interessanti

Ecco perché l’olio extravergine di oliva è un toccasana per la tua salute

Categorie

Note legali

Questo sito non costituisce testata giornalistica e non ha carattere periodico essendo aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001. Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari; marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e società citati possono essere marchi di proprietà dei rispettivi titolari o marchi registrati d’altre società e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti. Questo sito utilizza solo cookie tecnici, in totale rispetto della normativa europea. Maggiori dettagli alla pagina: PRIVACY