Narcolessia: ecco dove saperne di più

Narcolessia: ecco dove saperne di più

Narcolessia: che cos’è?

Hai mai sentito parlare di narcolessia, quella strana malattia che provoca attacchi di sonno incontrollabili? Sicuramente, saprai che esiste ma ti chiederai cosa la provoca e se esiste una cura.

 

La narcolessia è una malattia rara che, tuttavia, colpisce una percentuale sempre più crescente della popolazionesi e che è considerata essere un grave disturbo dell’eccitazione.

Questa malattia persistente è caratterizzata da attacchi di sonno irrefrenabili e sonnolenza eccessiva la quale, a seconda del grado di gravità, tende ad avere un impatto su tutti gli aspetti della tua vita personale, professionale, sociale e familiare.

Ecco i principali sintomi della narcolessia:

  • Sonnolenza diurna eccessiva quotidiana;
  • Irrefrenabile voglia di dormire: questi attacchi di sonno possono verificarsi improvvisamente durante il giorno, anche durante attività come mangiare, guidare, lavorare .

La ricerca ha stabilito che la narcolessia è attribuita all’interruzione della secrezione di un neurotrasmettitore il cui nome è ipocretina e che risulta in un funzionamento anomalo dei meccanismi di regolazione del ciclo sonno-veglia. Non è nota l’origine di questa interruzione ma si presume potrebbe essere di origine genetica o immunologica.

Nei Centri del Sonno si possono eseguire i seguenti esami:

  • La registrazione polisonnografica (PSG) può evidenziare disturbi del sonno e valutare il grado di gravità della malattia.
  • Lo scopo del test TILE (Iterative Fall asleep Latency Test) è misurare la tendenza ad addormentarsi durante il giorno.

Quali sono i trattamenti?

I pazienti possono essere trattati con antidepressivi che contrastano gli “attacchi di sonno”. Vengono anche prescritti diversi trattamenti farmacologici per stimolare la vigilanza. Ma questi trattamenti limitano semplicemente i sintomi, senza curare i malati. Quindi, la cura della narcolessia consiste essenzialmente in una buona gestione del sonno compresa la pratica dei sonnellini durante il giorno.

Un trattamento valido della narcolessia, potrebbe provenire da cellule staminali, secernenti ipocretina, che verrebbe iniettata direttamente nel cervello, a livello dell’ipotalamo. Tuttavia, bisognerà attendere ancora  alcuni anni di ricerca prima che i narcolettici possano beneficiare di trattamenti definitivi.

Ecco dove potrai saperne di più sulla narcolessia.

editor

Related Posts

Covid 19, come fare il tampone da privato

Covid 19, come fare il tampone da privato

Rafforzare sistema immunitario: consigli utili

Dove trovare i migliori massaggi a Roma

Dove trovare i migliori massaggi a Roma

Osteopata a Torino: ecco il professionista adatto a te!

Osteopata a Torino: ecco il professionista adatto a te!

Categorie

Note legali

Questo sito non costituisce testata giornalistica e non ha carattere periodico essendo aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001. Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari; marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e società citati possono essere marchi di proprietà dei rispettivi titolari o marchi registrati d’altre società e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti. Questo sito utilizza solo cookie tecnici, in totale rispetto della normativa europea. Maggiori dettagli alla pagina: PRIVACY