Romanews Calciomercato

Romanews Calciomercato

Romanews Calciomercato

Ci sono soldi pazzi dentro. La superstar brasiliana Neymar si è recentemente trasferita dal Barcellona al Paris Saint-Germain per 222 milioni di euro (265 milioni di dollari). Questo è più del doppio del record precedente di 105 milioni di euro ($ 125 milioni), pagato per il giocatore francese Paul Pogba. E questo è stato fissato solo l’anno scorso. Non c’è limite a quanto una squadra può spendere per i giocatori, come dimostra il sitoRomanews calciomercato. Allora dove finisce?

 

Che cos’è?

 

Il calcio è un mercato globale e i migliori giocatori si trasferiscono costantemente. David Beckham, ad esempio, ha giocato per club nel Regno Unito, Spagna, Stati Uniti, Italia e Francia nel corso della sua carriera. I giocatori professionisti firmano contratti con i club a tempo determinato fino a cinque anni. Se un giocatore si trasferisce prima della scadenza del contratto, il nuovo club risarcisce il vecchio club. Questo è noto come una commissione di trasferimento.

 

 

Quando avvengono i trasferimenti?

 

Due volte l’anno. I regolamenti FIFA stabiliscono due periodi annuali durante i quali i club possono acquistare giocatori stranieri, noti come finestre di trasferimento. La finestra di trasferimento più lunga cade tra le stagioni e quella più breve cade a metà stagione, ma i tempi esatti sono stabiliti dalle federazioni calcistiche dei singoli paesi. In molti paesi europei la finestra di mercato estiva si chiude il 31 agosto. Negli Stati Uniti si chiude il 9 agosto.

 

È così?

 

No. Il giocatore, il suo agente, il club e tutti i suoi avvocati devono stipulare un nuovo contratto. Ciò include i dettagli di stipendi e bonus, come i bonus di iscrizione e fedeltà. I giocatori sono inoltre sottoposti a visite mediche per verificare la loro idoneità al gioco. Se questo rivela lesioni precedentemente non rilevate, può influire sull’entità della commissione di trasferimento.

 

Chi ottiene i soldi?

 

Quella somma di 222 milioni di euro non viene pagata a Neymar. Il PSG lo ha pagato all’FC Barcelona per assicurarsi i suoi servizi. Tecnicamente hanno pagato la clausola di riscatto nel vecchio contratto di Neymar con il Barcellona, ​​che era fissato a 222 milioni di euro. Il padre, l’agente e altri di Neymar condivideranno un pagamento di 38 milioni di euro (45 milioni di dollari) per aver facilitato il trasferimento, secondo alcuni rapporti.

 

Il PSG pagherà quindi lo stipendio di Neymar – circa 45 milioni di euro (54 milioni di dollari) un anno prima delle tasse – e spera di trarre profitto dal suo nome e dalla sua immagine. I diritti di immagine possono essere un grosso punto critico durante la negoziazione dei contratti. I club generalmente richiedono il diritto esclusivo di controllare come appaiono le immagini del giocatore nella pubblicità e nella pubblicità. Ma i giocatori sono riluttanti a rinunciare a opportunità redditizie per guadagnare entrate pubblicitarie. Quindi tutte le parti devono concludere un accordo: ad esempio, i proventi derivanti dall’utilizzo dell’immagine del giocatore devono essere suddivisi 50/50 tra giocatore e club.

 

Con Neymar, diventa ancora più complesso. Il Barcellona ha detto che intende citarlo in giudizio per violazione del contratto, perché ha ricevuto denaro come parte di un bonus di rinnovo quando ha firmato un nuovo contratto l’anno scorso. Il club spagnolo chiede 8,5 milioni di euro (10,1 milioni di dollari) di danni, più la restituzione di un bonus non divulgato e un ulteriore 10% di tale importo in interessi.

editor

Related Posts

Mountain bike specialized: a chi rivolgersi

Mountain bike specialized: a chi rivolgersi

Calze da lavoro invernali, per sportivi o per chi lavora sempre al freddo

Calze da lavoro invernali, per sportivi o per chi lavora sempre al freddo

Vendita bici Scott: a chi rivolgersi

Vendita bici Scott: a chi rivolgersi

Riscopri la gioia di pedalare con la manutenzione bici Varese

Riscopri la gioia di pedalare con la manutenzione bici Varese

Categorie

Note legali

Questo sito non costituisce testata giornalistica e non ha carattere periodico essendo aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001. Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari; marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e società citati possono essere marchi di proprietà dei rispettivi titolari o marchi registrati d’altre società e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti. Questo sito utilizza solo cookie tecnici, in totale rispetto della normativa europea. Maggiori dettagli alla pagina: PRIVACY